MALEDETTA PRIMAVERA…

salice2.jpgFinalmente si è fatta convincere: la primavera, intendo. Dopo un’attesa che è parsa più lunga del solito, un tira e molla che sembrava sintonizzato sul gelo che attanaglia il mondo, ora la natura ha rotto gli indugi, e dato il via a una fioritura esplosiva. Quasi a voler recuperare il tempo perduto, per farsi trovare pronta all’appuntamento con l’equinozio.
Ora siamo noi, un po’ incerti: che fare, godere serenamente di questo limpido sole, lasciarci andare all’ammirazione del salice che timidamente inverdisce, gustarci i narcisi NarcisoC.jpgche rendono le nostre rotonde belle come giardini? E intanto lasciarci invadere dalla crudele gratitudine per essere stati risparmiati dal terremoto, dalle radiazioni, dall’acqua, dalla guerra, che toccano ad altri, abbastanza lontani?
Carpe diem…

Piave.jpg

MALEDETTA PRIMAVERA…ultima modifica: 2011-03-20T17:21:00+01:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Poetica e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *