“UOMINI DI DIO”, UN FILM CHE PARLA, LAICAMENTE, DELLA FEDE

Dio.jpeg“Uomini di Dio” di Xavier Beauvois è uno di quei film che (a me almeno) piacciono di più dopo che li ho visti, piuttosto che durante. Non è neppure difficile capire perché: il film, molto intenso, di per sé è per molto spoglio, non parliamo di effetti speciali ovviamente, ma persino di emotività, di “adrenalina intellettuale”, di quei momenti topici che colpiscono o divertono. No, in esso c’è ben poco di tutto questo, come rileva don Gabriele Pedrina nella bella recensione che allego. Al massimo qualche bella immagine del villaggio algerino in cui si trova il monastero e dei suoi dintorni, la gag dei due monaci disarmati di fronte alla loro auto in panne con intervento riparatore di una donna di passaggio, la festa improvvisata per l’arrivo di un confratello, la sera prima del loro rapimento, con due bottiglie di vino e la commozione per l’ascolto del Lago dei cigni…

00002208_Uomini_di_Dio._Spogli_e_liberi..html

 

 

Però dopo che lo hai visto il film ti continua a lavorare dentro, in un modo che ora cercherò di trasmettervi. Il nodo, per me almeno, è come esso si confronta con la fede, sulla scorta delle testimonianze lasciate dai monaci protagonisti.

Ebbene, qui vedi degli uomini incerti, impauriti, anche divisi fra loro in molti momenti (sul restare o sul fuggire, soprattutto), eppure tenuti insieme dall’amore vicendevole, e dallo stesso amore sorretti nella missione che si sono dati, fino all’eroismo. Li vedi rifiutare ogni compromesso col potere, con i ribelli, persino con la propria coscienza, nel nome della fedeltà al Cristo che li ha voluti compagni dei più deboli e indifesi. Vedi soprattutto delle persone inermi che vincono, e vincono proprio mentre soccombono, perché non tradiscono i valori ultimi della propria fede: esemplare a questo proposito il testamento spirituale lasciato da Frére Christian, il priore, che si fa carico – in quanto uomo e in quanto credente – della responsabilità della violenza che lo travolgere, fino ad arrivare ad assolvere l’Islam e a ringraziare il proprio carnefice. Leggetelo, è una grande pagina di fede e di amore per la vita e per l’umanità, in un momento in cui in troppi si dicono invece pronti a marciare dietro un Dio vendicatore della Cristianità.

testamento_di_un_uomo_di_dio.html

Ci voleva un regista dichiaratamente non credente per farci riscoprire la forza e la bellezza di una Fede che molti di noi hanno avuto il privilegio di praticare, o almeno la fortuna di conoscere, e magari anche la libertà di perdere.

 

 

 

“UOMINI DI DIO”, UN FILM CHE PARLA, LAICAMENTE, DELLA FEDEultima modifica: 2010-10-28T03:09:55+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in al cinema, Religione e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *