C’È AL CINEMA UN “SEGRETO” DA NON PERDERE

Un consiglio caloroso, prima che chiudano tutti i cinema per l’estate: c’è in giro un film da non perdere, “Il segreto dei suoi occhi”, dell’argentino Juan Josè Campanella, che ha meritatamente vinto l’Oscar per il miglior film straniero. C’è un inquirente neo pensionato Benjamin (Ricardo Darìn) che riprende in mano (per ricavarne un romanzo, ma soprattutto per tirare le somme della sua vita incompiuta) un caso irrisolto degli inizi della sua carriera, una giovane donna stuprata e uccisa; e c’è la sua ex capa (Soledad Villamil), che lo asseconda nell’impresa, vedremo dopo perché; e poi c’è l’inconsolato e inappagato marito della donna, e c’è l’assassino, che invece di pagare il suo debito con la giustizia, nell’Argentina dei colonnelli fa una brillante e infame carriera…

Il film è un poliziesco, teso e compatto, una appassionante storia d’amore, una severa anche se mai gridata denuncia sociale e politica; ma è anche una riflessione sul potere terapeutico della scrittura e sul potere rivelatore degli sguardi: da notare come la cinepresa si sofferma sugli occhi delle persone, soprattutto su quelli di lei, la giudice segretamente innamorata.

C’è qualcosa che rimanda a “La promessa” di Durrenmatt nell’accanimento ossessivo con cui si ricerca la giustizia, non importa se con o contro la legge. Ma a differenza che nel capolavoro del drammaturgo svizzero, qui il mistero si dipana, dopo due ore di andate e ritorni nel tempo e dentro le vite dei protagonisti: e dipanandosi sottrae Benjamin al suo dolore, consentendogli di risolvere il caso “non più” giudiziario, ma soprattutto di sciogliere (in extremis) l’altra grande incompiuta della sua vita, l’amore.

Il film è tratto dal romanzo (di prossima uscita anche in Italia, presso Bur Extra) “La pregunta de sus ojos”.

di Eduardo Sacheri

 

C’È AL CINEMA UN “SEGRETO” DA NON PERDEREultima modifica: 2010-07-08T02:01:00+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in al cinema e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *