CATTIVI PENSIERI: Se l’8 per mille alla Chiesa finanzia le case della cricca

 

Domanda: l’8 per mille alla Chiesa che abbiamo versato negli anni scorsi con la dichiarazione dei redditi, oppure la quota che è andata al Vaticano anche se l’8 per mille l’abbiamo destinato allo Stato, quale appartamento di Propaganda Fide sarà servito a finanziare? Quello offerto gratuitamente a Bertolaso? Quello affittato a Minzolini e ristrutturato da Anemone? Quello su tre piani abitato da Bruno Vespa o i 960 metri quadrati di Pietro Lunardi? (tutti su Repubblica di sabato). Oppure quei soldi saranno serviti a pagare i servigi del gentiluomo del Papa Angelo Balducci?

A questo punto, in vista della scadenza fiscale di fine giugno, mi sorge spontaneo un altro interrogativo: quale casa di potenti potrei finanziare con la prossima dichiarazione dei redditi? Un loft per Maurizio Gasparri, un attico per Capezzone? Oppure qualche scuola privata di stretta osservanza clericale?

Certo, lo so che la Chiesa dei potenti sostiene le attività della Chiesa dei poveri, e che per gestire le case di accoglienza, le mense per gli immigrati, le Caritas, gli interventi umanitari, e anche per tenere in vita un a voce alternativa ai valori individuali propugnati dal sistema dei media e ormai egemoni nella società, ci vogliono molti soldi e solide relazioni col potere. E allora io i soldi glieli do, ma non alla Curia romana tramite le dichiarazioni dei redditi (cosa peraltro assai poco rispettosa della reciproca autonomia fra Stato e Chiesa) ma direttamente alle singole iniziative, ai singoli sacerdoti che si spendono per i poveri e non faranno mai carriera, alle suore comboniane o ai volontari del servizio civile internazionale.

Quanto alla dichiarazione dei redditi, io per non sbagliare da anni l’8 per mille lo destino ai valdesi, che non hanno Propaganda Fide, e nemmeno Mons. Fisichella.

 

 

 

 

CATTIVI PENSIERI: Se l’8 per mille alla Chiesa finanzia le case della criccaultima modifica: 2010-06-21T01:41:00+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Cattivi pensieri, politica, Religione e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *