CATTIVI PENSIERI: Don Gelmini ministro e più poteri a Berlusconi

DON GELMINI, IL CAPPELLANO DEL PDL
Certo, ognuno è innocente fino alla sentenza definitiva, persino l’ex capo della polizia Di Gennaro; certo, gli scandali sessuali colpiscono in maniera bipartisan (anche se a sinistra una volta scoperti ci si dimette); certo, non sta bene godere dei guai altrui, neppure delle difficoltà della Francia e dell’Inghilterra degli antipaticissimi Domenech e Capello.
Però non posso reprimere l’intima soddisfazione per la richiesta di rinvio a giudizio per abusi sessuali a carico di don Gelmini, prete (ormai ex) carico in pari misura di onorificenze e di precedenti penali. E non posso non ricordare (visto che i tg non lo fanno) che si tratta del “cappellano del centro-destra”, presente a tutti gli appuntamenti importanti del Pdl nonchè sodale di Berlusconi, che gli ha donato pubblicamente 5 milioni di euro e gli vuole dedicare una fiction su Mediaset.
Visto il precedente di Brancher, ex prete a sua volta con qualche guaio giudiziario (da sanare con le leggi ad personam volute da Berlusconi), non mi stupirei di trovare presto don Gelmini ministro. Per la tutela della gioventù, magari.

I POTERI DI BERLUSCONI E DEGLI ALTRI PREMIER
Ci risiamo: Berlusconi vuole «gli stessi poteri degli altri suoi colleghi europei», perchè in Italia, con le leggi attuali, non si può governare.
Ora può anche essere che nel nostro Paese il presidente del Consiglio sia costituzionalmente un’”anatra zoppa”, ma Berlusconi dimentica di essere già di suo l’uomo più ricco e potente del Paese. Non risulta che nessun capo di stato al mondo disponga delle sue ricchezze e del controllo quasi totale dell’informazione televisiva. Nè che altri governanti potrebbero rimanere al loro posto col carico di pendenze giudiziarie che ha lui sulle spalle.
Importiamo pure in Italia, dunque, le regole delle altre democrazie europee: Berlusconi dovrebbe andarsene a casa un minuto dopo.

CATTIVI PENSIERI: Don Gelmini ministro e più poteri a Berlusconiultima modifica: 2010-06-19T14:31:29+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Cattivi pensieri, politica e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *