OGGI PADOVA AL VOTO: ECCO COSA HO IMPARATO IN CAMPAGNA ELETTORALE

IMG_3701Dunque ci siamo. Mentre votate, ecco qualche flash rigorosamente personale sulla campagna elettorale appena conclusa (attenzione: potrebbe contenere pubblicità subliminale :-).

Innanzitutto, mi sono reso conto finalmente (dopo anni che praticamente ci venivo solo a dormire) di quanto sia grande la nostra Padova, di quante disparità sociali (da emendare) la caratterizzino, ma anche delle sue tante diversità positive, da valorizzare e rendere l’un l’altra compatibili e dialoganti. Compito non facile, perché molti cittadini, quando incontrano i candidati, avanzano richieste concrete ma molto specifiche, a volte impossibili da conciliare fra loro: rivitalizzare la piazzetta ma mandare a dormire con le galline i ragazzi che la popolano; limitare l’inquinamento e il traffico ma eliminare il tram, o ridurre le piste per le biciclette, che “restringono la carreggiata”; e potrei continuare a lungo.

Fra le persone incontrate, ho avvertito una forte sintonia con i giovani genitori, che girano per le strade dei quartieri e tendenzialmente vivono una dimensione di relazioni; i più ostili sono risultati invece i maschi più anziani e benestanti, che si fanno gli affari loro e diffidano (a meno che non ne abbiano bisogno) di coloro che si danno da fare per il bene comune: non dev’essere facile averli come vicini; fra tutti, poi, mi hanno decisamente impressionato i bitonciani: impermeabili a tutto, rifiutano persino di prendere in mano un volantino, perché le loro certezze non prevedono confronto; nella loro idea di società chi incarna ideali diversi dai loro non ha diritto di cittadinanza.

Inutile dire (ma lo dico lo stesso) che nella nostra lista e dintorni ho incontrato molti compagni e compagne simpatici e interessanti, e una persona che ho visto giorno dopo giorno crescere come un vero leader: comunque vada Arturo Lorenzoni sarà una risorsa importante per la Padova futura, peccato per chi non l’ha ancora capito.

In questi due mesi ho fatto cose che mai avrei pensato di fare: suonare ai campanelli, IMG_3701IMG_3605fermare la gente per strada, disturbare le persone ai tavoli dei ristoranti, cercare al telefono o via mail amici persi da anni, persino improvvisare un mini-comizio all’Arcella: ne hanno risentito il mio orto e i miei impegni lavorativi, ho perso un paio di chili e varie ore di sonno, guadagnato un bel colorito ma anche un herpes fastidioso (per la politica bisogna avere la vocazione, altrimenti risulta soprattutto stressante, ed essere disposti a metterci la faccia in prima persona, anche quando non è né comodo né vantaggioso).

Fra le altre cose ricordo con riconoscenza una signora che fuori da un supermercato mi ha regalato un cestino di ciliege, e con disagio una novantaduenne nostalgica che mi ha trascinato in una serrata discussione sui pregi del Ventennio…

Comunque vada (e lo sapremo fra poche ore) ne valeva la pena, almeno non dovrò rimproverarmi per non aver fatto la mia parte per far vincere l’idea di città che ho nel cuore.

OGGI PADOVA AL VOTO: ECCO COSA HO IMPARATO IN CAMPAGNA ELETTORALEultima modifica: 2017-06-11T10:42:18+00:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a OGGI PADOVA AL VOTO: ECCO COSA HO IMPARATO IN CAMPAGNA ELETTORALE

  1. Caro Sergio, nella mia vita non ho mai fatto campagne politiche perchè non mi fa piacere espormi in alcuna occasione. In questi mesi e alla luce delle attività messe in campo da coetanei mi sono accorto che la politica attiva è indispensabile nelle emergenze e per la buona governabilità della città in cui vivi. Ho seguito la passione che hai messo affinchè si concretizzasse l’ottimo risultato che oggi è sotto gli occhi di tutti. Non mollare adesso Ad maiora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*